RECANATI

Cambia Comune

Storia

Storia

Cenni storici

Quando, in età preromana, nel territorio recanatese arrivarono i Piceni, già esistevano nuclei abitativi più antichi che si erano sviluppati vicino ai fiumi Musone e Potenza. Divenne poi colonia romana col nome di Recina, ma le prime testimonianze della sua esistenza risalgono alla fine del XII secolo, quando i signori delle alture Monte Volpino, Monte San Vito e Monte Morello decisero di unirsi. Agli inizi delle lotte per le investiture, in un primo momento Recanati appoggiò Federico II, ricevendo in cambio per la fedeltà dimostrata la licenza di costruire un porto. Ma successivamente si schierò dalla parte guelfa, ricevendo così il diritto di chiamarsi città e di battere moneta. Ebbe grande fama di Justissima Civitas per i suoi Statuti, la sua Fiera e i traffici gestiti dagli ebrei che gli consentirono di dotarsi di una robusta cerchia di mura, poi rinforzata da Francesco Sforza. Nel 1798 fu occupata da Napoleone e annessa al Regno Italico nel 1808, ma dopo il Congresso di Vienna ritornò allo Stato della Chiesa. Nel 1860, infine, fu conquistata dall’esercito piemontese ed entrò a far parte del nuovissimo Regno d’Italia.

Visita per

Scarica la App

Tutti i contenuti di ilmiocomune.it a portata di mano sul tuo smartphone!

Scarica l'app

Scopri i contenuti in mobilità con l'app completamente gratuita