PORTO SANT'ELPIDIO

Cambia Comune

Gastronomia

Gastronomia

Brodetto marchigiano

Ingredienti: 2 kg e 500 g di pesce misto (scorfano, coda di rospo, sgombri, triglie), 300 g di canocchie, 300 g di seppie piccole, 300 g di cozze, 300 g di vongole, 5 pomodori poco maturi, 1 peperone verde, peperoncino, 1 cipolla, 1 dl d’aceto bianco, olio, sale, pepe. Preparazione: In due padelle fate aprire separatamente a fuoco vivo e senza condimento cozze e vongole. In un larga teglia scaldate quattro cucchiai d’olio e lasciatevi appassire la cipolla finemente tritata. Adagiate nel recipiente le seppie spellate e dopo dieci minuti aggiungete il peperone, privato dei semi e dei filamenti bianchi, tagliato a larghe falde. Salate, pepate, mescolate, cuocete per dieci minuti a fuoco basso. Quindi aggiungete i pomodori spellati, privati dei semi e tagliati a pezzetti (ricordiamo che i pomodori non devono essere troppo maturi perché la caratteristica di questo brodetto è il colore rosato) e un peperoncino sbriciolato. Spruzzate l’aceto, fate evaporare e iniziate a mettere strati di pesci, eviscerati e ben lavati, cominciando dal tipo meno delicato e finendo con le cozze, le vongole (parte con il guscio e parte senza) e con le canocchie. Coprite in modo che il vapore non fuoriesca. Cuocete a fuoco basso per circa venti minuti. Servite subito.
Gastronomia

Spaghetti alle vongole

Ingredienti: Spaghetti N°5 320 g, Vongole 1 kg, Aglio 1 spicchio, Prezzemolo 1 mazzetto, Olio extravergine d'oliva q.b., Pepe nero q.b., Sale grosso q.b. Preparazione: Per preparare gli spaghetti alle vongole, controllate che non contengano sabbia: picchiettatele una ad una su un tagliere dalla parte dell'apertura. Se uscirà della sabbia scura significa che la vongola sarà piena di sabbia e sarà quindi da buttare. Eliminate anche quelle che presentano il guscio rotto. Poi ponete le vongole in un colapasta poggiato su una ciotola e sciacquatele più volte sotto acqua corrente: terminate quando nella ciotola non si vedrà più sabbia. Versate un filo d'olio in una pentola capiente e uno spicchio di aglio sbucciato e fatelo rosolare qualche istante. Scolate bene le vongole e versatele nel tegame: coprite con il coperchio e accendete il fuoco vivace: in questo modo le valve si apriranno con il calore. Dovrete spegnere il fuoco immediatamente dopo la completa apertura, per non compromettere la tenerezza del frutto di mare con una cottura troppo prolungata. Scolate le vongole e conservate il liquido di cottura che si sarà formato. Sgusciatene metà (potete anche decidere di saltare questo passaggio). Poi portate a bollore abbondante acqua e salate a piacere quindi cuocete gli spaghetti, dovrete scolarli a metà cottura (potete scegliere uno spaghetto dalle dimensioni più grandi e dalla superficie porosa per rendere il piatto più cremoso). Mentre la pasta cuoce, tritate finemente il ciuffo di prezzemolo; poi in un'ampia padella versate un filo d'olio e uno spicchio di aglio intero (facoltativo), quindi versate il liquido di cottura delle vongole filtrato e fatelo addensare qualche minuto poi unite parte del prezzemolo tritato e gli spaghetti scolati a metà cottura (conservate dell'acqua di cottura). Proseguite la cottura degli spaghetti in padella, come per la pasta risottata e unite le vongole sgusciate poi unite quelle intere, il restante prezzemolo e aggiungete un pizzico di pepe; se necessario potete aggiungere qualche mestolo di acqua di cottura. Spegnete il fuoco e servite gli spaghetti alle vongole ben caldi.
Gastronomia

Sarduncì a scottadito

Ingredienti: 80 sardoncini (di solito se ne mangiano dai 15 ai 20 a testa), pangrattato fresco, prezzemolo tritato fresco, aglio, olio extra vergine di oliva, sale. Preparazione: Cominciate preparando un trito formato dal pangrattato e dal prezzemolo, entrambi tritati freschi, unendo poi aglio, olio evo e sale. Mescolate con cura con l'aiuto di un cucchiaio o di una forchetta. Pulite con cura i sardoncini, togliendo la testa, che andrà presa tra l'indice e il pollice della mano: tirate poi con forza, per estrarre anche l'intestino. Potete anche aiutarvi con delle forbici se non volete usare le mani. Lavate i sardoncini con l'acqua corrente e asciugateli con un panno da cucina. Mentre li lavate cercate di togliere eventualmente l'intestino rimasto dentro. Ricoprite per bene i sardoncini con il trito, aiutandovi con un cucchiaio, una forchetta o, meglio, le mani. Dovranno essere ben coperti! Cuocete i sardoncini alla griglia per 10 minuti, ricordandovi di girarli ogni tanto per permettere ai pesciolini di cuocersi da una parte e dall'altra. Vanno mangiati caldissimi, con le mani, così potranno "scottarvi le dita", come promesso dal nome!

Visita per

Scarica la App

Tutti i contenuti di ilmiocomune.it a portata di mano sul tuo smartphone!

Scarica l'app

Scopri i contenuti in mobilità con l'app completamente gratuita