PARABIAGO

Cambia Comune

Itinerari

Itinerari

Chiesa di S. Ambrogio della Vittoria

Costruita per volontà di Azzone Visconti, dopo la vittoria contro lo zio Lodrisio (come ci ricorda l’iscrizione riportata nel coro), venne affidata all’Ordine di “S. Ambrogio Ad nemus” a partire dal 1481. Nel 1583 la Chiesa ricevette la visita dell’allora Arcivescovo meneghino San Carlo Borromeo, il quale era stato il fautore della soppressione della processione che ogni anno univa Milano a Parabiago, in ricordo della Battaglia del 1339. Gli ambrosiani fondarono qui un loro convento, tuttavia il complesso venne “ceduto” ai Cistercensi (XVII secolo). Questi ultimi costruirono a loro volta un monastero, terminato nel 1705, e circondato da un muro di cinta. Agli inizi del XVIII secolo venne anche abbattuta l’antica chiesa, ritenuta inadatta alle esigenze dei fedeli. Al suo posto venne costruita l’attuale, calzante esempio di architettura lombarda del periodo. Al suo interno sono esposte numerose opere d’arte: ricordiamo la pala di Giambattista Sassi dedicata alla Sacra Famiglia, quella dedicata alla Conciliazione di Teodosio, opera di Pietro Da Pietra, nonché alcuni affreschi settecenteschi opera del Formentino. Degno di visita pure l’organo intagliato da Carlo Bossi (1716).
Itinerari

La Parrocchiale dei Santi Gervasio e Protasio

Edificata nel 1610 su progetto del noto architetto Pellegrino Pellegrini, presenta una facciata settecentesca, realizzata da G. Piermarini (già autore del Teatro alla Scala e del Palazzo Reale di Milano). L’interno è riccamente decorato di affreschi, stucchi e importanti tele. Notevole pure l’altare maggiore, in legno elegantemente lavorato, nonché l’ottocentesco altorilievo in scagliola raffigurante il Battesimo di Cristo, collocato nella Cappella del Battista. Santuario della Madonna di Dio il Sà Il nome pare derivare dall’antico appellativo, "Madonna di Olzate", trasformato poi dal popolo in "Dio sa quale", probabilmente già dal XV-XVI secolo. L’edificio originale era un modesto oratorio di campagna, posto probabilmente ai confini delle terre del vicino Convento cistercense dedicato a Sant’Ambrogio. Di ispirazione bramantesca, il Santuario conobbe il suo massimo splendore nel XVII secolo, periodo in cui venne riccamente decorato e abbellito. Risalgono a questo periodo alcune pregevoli statue dedicate a Santi, nonché gli stucchi. Mirabile inoltre un prezioso polittico rappresentante la Vergine con il Bambino e i Santi Cosma e Damiano, Caterina e Ambrogio, circondati da un Vescovo e da un Guerriero, di scuola del Luini.
Itinerari

La Chiesa di San Michele

La chiesa è presumibilmente sorta sui resti di un’antica cappella dedicata all’Arcangelo Michele, collocata nei pressi del luogo ove avvenne la nota battaglia tra i Visconti del 1339. L’Arcangelo Michele è infatti l’Arcangelo della “Vittoria”: questo spiegherebbe la presenza di un tempio a lui dedicato nei pressi di un luogo così significativo per la storia locale. Tra le opere custodite all’interno ricordiamo l’affresco dedicato a San Michele e la tela raffigurante la Vergine incoronata e circondata da Santi e dall’Arcangelo. Di esecuzione locale il tabernacolo, realizzato in legno dorato e decorato da lesene, teste di cherubini e specchi (XIX secolo). A fianco dell’edificio sorse, nel 1853, il campanile.
Itinerari

Chiesa di Sant’Anna

Le origini della Chiesa di Villastanza risalgono agli inizi del ‘900, quando, una petizione firmata da una sessantina di residenti, richiese la possibilità che la Messa venisse celebrata in frazione. La comunità si accollò parte delle spese per la realizzazione del progetto. Il primo edificio che venne eretto per celebrare il culto si rivelò ben presto inadatto alla crescente popolazione. Nel 1938 venne consacrata una nuova costruzione sorta su un vicino appezzamento acquisito dalla comunità. Nel corso degli anni la chiesa è stata via via abbellita da affreschi e mosaici, pannelli in bronzo e vetrate.
Itinerari

Dati generali

Provincia: Milano; Distanza da Milano: 25 km; Superficie: Kmq. 14,16; Altitudine: mt 184 slm; Prefisso telefonico: 0331; C.A.P.: 20015; Popolazione: 27.692 abit.; Comuni limitrofi: San Vittore Olona, Cerro Maggiore, Nerviano, Arluno, Casorezzo, Busto Garolfo, Canegrate; Centri abitati: Villastanza, Villapia, Ravello, S. Lorenzo.

Visita per

Scarica la App

Tutti i contenuti di ilmiocomune.it a portata di mano sul tuo smartphone!

Scarica l'app

Scopri i contenuti in mobilità con l'app completamente gratuita