MOLINELLA

Cambia Comune

Itinerari

Itinerari

Torre di Santo Stefano

Dal punto di vista storico Molinella reca interessanti tracce del passato guerriero della pianura. Situata nel centro del paese, la bella torre di Santo Stefano è quanto resta dell’antico castello costruito dai Bolognesi per difendere i confini verso Ferrara. Il suo aspetto attuale si deve a una ricostruzione del 1404, dopo che Alberto V d’Este, alleato di Gian Galeazzo Visconti, l’aveva distrutta insieme al castello nel 1390. Trasformata in campanile a metà del XVI secolo, presenta oggi al posto dei merli un bizzarro coronamento sormontato da un torrino con quattro archi che fungeva da cella campanaria.
Oggi la Torre di Santo Stefano può essere considerato il monumento storico più significativo di Molinella.

Nell'immagine (
Archon88 - Opera propria, tratta da it.wikipedia.org): 
La torre di Santo Stefano in una foto degli inizi del '900 con il palazzo comunale addossato su un fianco

Itinerari

Zona umida di Vallazza

La Vallazza, al Parco La Torretta, è una zona umida di 85 ettari di proprietà della cooperativa "Giuseppe Massarenti", situata sulla strada che da Molinella conduce a Selva Malvezzi. Entro un perimetro delimitato dai pioppi, un fitto intrico di canne palustri cinge un vasto specchio d'acqua, su cui galleggiano numerose varietà di ninfee. È l'habitat ideale per rane e tartarughe, bisce e altri rettili acquatici. Qui nidificano abitualmente folaghe, svassi e diverse specie di anatre e non è raro imbattersi in qualche maestoso esemplare di airone cinerino.
Itinerari

Palazzo Comunale

In Piazza Anselmo Martoni si trova il Palazzo comunale, inaugurato nel 1936 come Casa del Fascio e adibito a sede comunale dopo la seconda guerra mondiale. La fontana e il putto bronzeo, opera dello scultore Carlo Pini, situati nella stessa piazza sono databili allo stesso periodo.
Nel 1989 il Comune è stato insignito della medaglia di bronzo al valore militare.

Itinerari

Selva Malvezzi

La zona, un tempo boscosa e selvaggia, rientrava in epoca medievale nei possedimenti di Matilde di Canossa. Secondo la leggenda fu poi donata dalla Contessa ai cittadini di Budrio affinchè la rendessero fertile. Il territorio venne poi annesso alle proprietà della parrocchia di Budrio. Alla fine del Quattrocento la zona venne data in amministrazione dal papa Callisto III alla famiglia senatoriale bolognese dei Malvezzi. I conti fecero costruire la borgata odierna, nella quale spiccano il Palazzo del Governatore (residenza del Governatore della contea), il Palazzo Comitale (residenza dei Conti, fatto costruire da Carlo Malvezzi nel 1455 circa) e il Palazzaccio (castello in difesa del feudo in direzione di Budrio e Bologna, oggi parzialmente in rovina, fine del Quattrocento).
Itinerari

Valle di Marmorta

La Valle di Marmorta, nel comune di Molinella, conduce il visitatore verso il Parco Regionale del Delta del Po. Seguendo le indicazioni per Argenta, si giunge all'Oasi delle Valli di Argenta, ormai in territorio ferrarese. Queste zone umide si estendono per 1600 ettari e sono costituite dalle casse di espansione di Bassarone, Campotto e Valle Santa. Sono quanto resta delle grandi aree vallive che sorgevano qui ad accogliere le piene di Idice, Quaderna, Sillaro e Reno.

Visita per

Scarica la App

Tutti i contenuti di ilmiocomune.it a portata di mano sul tuo smartphone!

Scarica l'app

Scopri i contenuti in mobilità con l'app completamente gratuita