GALLIATE

Cambia Comune

Itinerari

 
Itinerari

Il Castello

Il Castello Sforzesco, che sorge sul lato settentrionale di Piazza Vittorio Veneto, è un imponente edificio la cui costruzione fu avviata dai Visconti come piazzaforte militare e proseguita nel XV secolo dagli Sforza. L’originaria funzione difensiva fu modificata nel tempo fino a diventare un’amena dimora ducale per le stagioni di caccia nella valle del Ticino, per volontà di Ludovico il Moro. Nel 1532 il castello divenne proprietà del ramo Caravaggio degli Sforza e subì nel Seicento durante l’occupazione spagnola alcune trasformazioni d’uso che però non alterarono troppo la struttura originaria. Dopo un lungo periodo di abbandono e degrado, nel 1878 l’edificio fu frazionato tra più proprietari che intervennero con diversi progetti di recupero e di destinazione. Oggi il castello è quasi interamente di proprietà del Comune, che ha intrapreso un restauro conservativo volto a ripristinare l’originale aspetto quattrocentesco. Nonostante i diversi passaggi di proprietà e le trasformazioni subite, il castello ha conservato abbastanza intatte le sue caratteristiche architettoniche, fatta eccezione per il lato ovest, lungo il quale la cortina muraria fu distrutta da una mina nel XVII secolo e in seguito sostituita da un semplice muro.
 
Itinerari

Museo d’arte contemporanea “Angelo Bozzola”

Nella torre di nord-est del Castello ha sede la collezione d’arte contemporanea del Museo Angelo Bozzola, costituita da numerose opere di scultura, pittura e grafica polimaterica. L’allestimento delle opere nei tre piani superiori tende a illustrare l’andamento dell’opera dell’artista fino agli anni Ottanta, mentre nel sotterraneo si trovano alcuni esemplari delle sue opere scultoree e strutturali dagli anni Cinquanta agli anni Settanta.
 
Itinerari

La Chiesa Parrocchiale

Alla fine del Settecento, il paese ebbe la necessità di dotarsi di una Chiesa Parrocchiale adeguata ad ospitare la sua comunità. Dopo alcuni anni di progetti risoltisi in un nulla di fatto, nel 1850 il Consiglio comunale approvò in via definitiva il progetto firmato da Don Ercole Marietti. La Chiesa fu edificata tra il 1851 e il 1873 sul sito di una chiesa precedente. L’edificio fu costruito in stile neogotico e presenta la pianta a croce latina sormontata al centro da una cupola ottagonale. L’interno è suddiviso in tre navate lungo le quali sono collocate 8 cappelle laterali, mentre altre due grandi cappelle sono poste alle estremità del transetto. Le cappelle sono ornate da dipinti e da statue risalenti ad un periodo compreso tra il Seicento e l'Ottocento. Il campanile della chiesa, edificato dal 1871 al 1880, fu progettato dall’ingegnere galliatese Antonio Rigorini. Il progetto prevedeva che raggiungesse un’altezza di 93 metri ma, causa problemi economici, fu interrotto a quota 45 metri.
 
Itinerari

Il Santuario del Varallino

Dal centro di Galliate, percorrendo un lungo viale alberato, si raggiunge la chiesa campestre di San Pietro in Vulpiate, più conosciuta come santuario del Varallino, perchè ricorda le fattezze del Sacro Monte di Varallo Sesia anche se di dimensioni molto più ridotte. L’edificio, dedicato alla Natività di Maria Vergine, sorge nel luogo in cui un tempo si trovava una piccola cappella che custodiva l'immagine della Vergine Maria nell'atto di porgere al Bambino una pera, ritenuta miracolosa: l'affresco quattrocentesco è ancor oggi visibile nel coro della chiesa.

Visita per

Scarica la App

Tutti i contenuti di ilmiocomune.it a portata di mano sul tuo smartphone!

Scarica l'app

Scopri i contenuti in mobilità con l'app completamente gratuita