FONTANELLE

Cambia Comune

Itinerari

Itinerari

Villa Marcello

La parte più antica della villa è un porticato che si affaccia sul parco, unito ad altri ambienti rustici un tempo usati per la cura dei cavalli. Non sappiamo con precisione quando venne costruita la villa, ma sicuramente esisteva alla fine del 1700: allora infatti era "la casa della caccia" della famosa famiglia di pittori Veneziani Tiepolo. Nel 1820 la tenuta fu venduta ad Antonio Galvani; la figlia Elisabetta modificò alcuni locali della villa, ricavando altre quattro stanze dalle soffitte. Dopo i Galvani la villa divenne proprietà della marchesa Rosanna del Maino, sposa del conte Girolamo Marcello, capitano della regia Marina di Venezia e sottosegretario di Stato, tra le altre cariche. Nulla ci è pervenuto degli arredi originali e delle decorazioni, anche a causa della distruzione subita dalla villa al tempo dell’invasione austroungarica. Durante la Seconda Guerra Mondiale la costruzione venne occupata dalle SS, e il parco rischiò di essere completamente distrutto: i soldati infatti diedero l’ordine di abbattere tutti gli alberi presenti, tranne i cipressi, perché era stato loro detto che vi erano sotto sepolti i soldati del precedente conflitto mondiale; al momento dell’esecuzione di questo ordine una provvidenziale nevicata impedì lo scempio.
Itinerari

Chiesa di San Pietro

L’edificio risale al XV secolo, e venne consacrata il 24 settembre 1480 dal Vescovo Nicolò Trevisan. La chiesa originale era ad una sola navata, poi nel XVIII secolo fu ampliata per volere dell'Arciprete Don Antonio Comin; nell’Ottocento furono aggiunte le navate laterali. Oggi si presenta in stile prevalentemente rinascimentale. L’interno della chiesa è ricco di arredi e decori: dai cinque altari del Settecento in marmo con bassorilievi ed intarsi, a sculture e dipinti di notevole pregio. Tra questi ricordiamo: la pala in marmo di Carrara dell’altare maggiore dedicata all’Assunzione e quella che ritrae la Beata Vergine del Rosario (Settecento); la tela di Antonio Balestra raffigurante "Le dieci Vergini" e quella di G. B. Pittoni "La visita dei Magi". Ed ancora il tabernacolo in marmo decorato con due angeli adoranti, anch’essi in marmo, l’altare maggiore realizzato in pregiato marmo di Carrara. Il battistero ha una grande vasca in pietra del XVI secolo, con una piramide in legno del XVII secolo, decorata con quattro stemmi. Il campanile è a base ottagonale, alto 45 metri e fu costruito intorno ad una preesistente torre.
Itinerari

Chiesa di Lutrano

Originariamente doveva esistere un edificio risalente al XV-XVI secolo. La chiesa attuale è il risultato di diversi interventi, 1832-1840 prima, poi ancora nel 1850. Nel 1861 fu consacrata dal Vescovo Manfredo Bellari. Con il Novecento la chiesa venne dapprima ingrandita, con la costruzione di due navate laterali, ed allungata, poi durante la Prima Guerra Mondiale subì notevoli danni. La torre campanaria fu minata dagli austriaci poco prima della ritirata, e quanto cadde distrusse un’intera ala della chiesa. Il nuovo campanile non sorge più davanti alla chiesa ma a fianco. All’interno troviamo l’organo De Lorenzi, quattro dipinti a tela nel coro e l’altare maggiore del 1842, costruito in sostituzione del precedente.
Itinerari

Chiesetta ed oratorio di Santa Maria del Palù

Fu edificata in seguito alla Bolla di Papa Lucio III, ed esisteva già nel XII secolo. Chiusa al culto nel 1665, è “famosa” per una piccola fonte d’acqua perenne che pare sgorgare da sotto l’altare: l’acqua è ritenuta miracolosa per le malattie degli occhi e per addolcire il trapasso dei moribondi. Vi è un tempietto, opera di Emilio Girelli, intorno alla fonte.

Visita per

Scarica la App

Tutti i contenuti di ilmiocomune.it a portata di mano sul tuo smartphone!

Scarica l'app

Scopri i contenuti in mobilità con l'app completamente gratuita