CALUSO

Cambia Comune

Storia

Storia

La storia del Comune

Le origini dell’abitato di Caluso risalgono al periodo pre-romano. Il toponimo della città deriverebbe invece dal nome del Santo Patrono Calocero (in dialetto “Calos”, da cui Caluso). Dopo la dominazione romana, della quale rimangono numerose testimonianze (in particolare quella della stele funeraria Aebutius Faustus, oggi al museo di Ivrea), la storia di Caluso divenne più oscura. Sappiamo per certo che venne invasa da diverse orde barbariche (Eruli, Ostrogoti, Bizantini, Longobardi). Tuttavia le prime notizie documentabili su Caluso risalgono al 1156, anno in cui venne decisa l’investitura di queste terre a vantaggio del Conte del Canavese Guido IV. La posizione strategica e la fertilità della terra, rese Caluso particolarmente ambita, tanto che fu al centro di numerose lotte tra i casati di Savoia e Monferrato, avvenute nei secoli XII, XIII, XIV e XV. Durante il XVI secolo Caluso si trovò invece nel mezzo della guerra franco-spagnola, finendo militarmente occupata da entrambe le potenze. I francesi si fecero promotori della costruzione del canale Bealera di Caluso (o Bealera Brissacca), i cui lavori iniziarono nel 1558. Questo canale contribuì in maniera determinante allo sviluppo economico e sociale della zona: in particolare sancì l’inizio della produzione dell’energia necessaria per muovere mulini, opifici e fucine, nonché di garantire l’irrigazione di molti campi già esistenti e di renderne coltivabili di nuovi. Nel 1630 Caluso venne colpita dalla tremenda pestilenza che Manzoni ci racconta nei suoi “Promessi Sposi”, la quale produsse 1.584 vittime, riducendo gli abitanti del borgo a 589 anime. Verso la fine del ‘500 Caluso passò poi sotto la giurisdizione del Ducato di Mantova, alla quale venne ceduto per 55.000 scudi. Il territorio tornò poi ai Savoia e quindi ai Valperga, i quali dettarono la loro egemonia fino al 1815. Durante il XIX una nuova epidemia colpì il paese: questa volta fu il colera a mietere quasi un centinaio di vittime.

Visita per

Scarica la App

Tutti i contenuti di ilmiocomune.it a portata di mano sul tuo smartphone!

Scarica l'app

Scopri i contenuti in mobilità con l'app completamente gratuita