BRUINO

Cambia Comune

Storia

 
Storia

Cenni Storici

Alcuni elementi di macrostoria consentono di ritenere credibile che il Villaggio di Bruino sia nato come insediamento Longobardo, intorno al 600 d.C. Con il Diploma Ottoniano veniva sancito il potere dei Vescovi-Conti. Un trasferimento di potere piuttosto importante e che determinò nel 1006, l'attribuzione da parte del Vescovo Gezone a favore del Monastero di San Solutore, della chiesa e del luogo di Bruino. Nel 1252 con il Diploma Imperiale di Guglielmo II d'Olanda, venne donato al Conte Tommaso II di Savoia il Feudo di Bruino. Il XIV Secolo fu contraddistinto dall'esercizio del potere feudale concesso alle famiglie signorili locali che godevano delle prerogative feudali del territorio, del castello e della giurisdizione. Nel 1348 comincia ad acquistare importanza anche un'altra famiglia, i Borghesi, che entrarono in possesso di Bruino. Il 1500 fu invece il secolo della dominazione francese e della restaurazione del dominio sabaudo, operata dal Duca Emanuele Filiberto di Savoia. Il Feudo di Bruino cominciò ad organizzarsi come Comunità, ma nel contempo acquisire un ruolo nell'esercizio delle funzioni amministrative del luogo, rivestendo funzioni come quelle dei camparì, estimatori, computatori o messi comunali. In questo periodo fu peraltro costruita la torre del castello. Giuliano de Olmos, nel 1577, si sposò con Isabella Berthoud de Malines, ed ebbe con lei la figlia Filiberta. Questa si sposò con il famoso Carlo della Rovere, che nel periodo della sua Signoria su Bruino, edificò l'attuale chiesa di San Martino, nella Piazza del paese. I Malines si insediarono nel castello e amministrarono Bruino promulgando anche i Bandi Campestri del 1758, ovvero una raccolta di 154 leggi che regolavano la vita di tutti i giorni dei Bruinesi. Bruino divenne Comune del Regno d'Italia e vide la costruzione di importanti opere: la costruzione della Strada Susa Pinerolo, la Ferrovia "Torino - Orbassano - Giaveno" e la canalizzazione delle acque potabili. Il 27 maggio 1883 il trenino arrivò per la prima volta a Bruino. Nell'età giolittiana, Bruino poté contare sul Sindaco Paolo Bey. Le Guerre Mondiali e la Resistenza costituirono le ultime tappe della Storia di Bruino. Alla fine degli anni '60 inizia una radicale trasformazione, divenendo quello che è oggi.

Visita per

Scarica la App

Tutti i contenuti di ilmiocomune.it a portata di mano sul tuo smartphone!

Scarica l'app

Scopri i contenuti in mobilità con l'app completamente gratuita